Valpolicella, terra di vino. E di rugbisti generosi

Veneto, terra di gente laboriosa. E, ovviamente, di vino. Non è caso, quindi, che l’avventura del Rugby Club Valpolicella (http://www.valpolicellarugby.org/home) sia partita, poco più di 40 anni fa, in un piccolo slargo vicino a un vigneto, adattato alla bell’e meglio al gioco del rugby.

Era il 1974 quando Sergio Ruzzenente, ancora oggi presidente del club giallo-rosso e nero, decise di raccogliere intorno a sé un gruppo di ragazzi per  farli giocare in un campo in quel di Negarine, piccola frazione del Comune di San Pietro in Cariano, proprio al centro della Valpolicella. Per rendere agibile il primo “campo”, i ragazzi fanno di tutto: tolgono i sassi, si adattano a giocare ovunque, smontano le porte del campo di calcio per giocare a rugby e le rimontano una volta finita la partita.

Ordinarie scene di buona volontà, mai venute meno in questi 4 decenni e oltre di dedizione e passione ovale, con lo sguardo sempre rivolto alla formazione di giovani e giovanissimi. Tanto per capirci, ancora oggi il presidente-monumento Ruzzenente, dopo tanti anni di attività, ogni sabato pomeriggio è in campo in tuta e scarpini ad aiutare i bambini più piccoli, con lo stesso spirito di allora, quando tutto è cominciato.

Bookmark and Share
Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153