Enzo Dornetti, Direttore Sportivo AS Rugby Milano

Tesserato con il Club ormai dal lontano 1974.

Ha indossato la maglia biancorossa per 25 anni, fino al 1999, quando la FIR non gli ha più permesso di giocare. Comunque ha tenuto duro e ha giocato ancora qualche anno con i Bislunghi, i nostri old.
Si è tolto grandissime soddisfazioni, partecipando alla promozione in A nel 1980 e disputando qualche stagione nella massima serie, incontrando il Benetton, il Rovigo, il Petrarca, L' Aquila e grandissimi campioni del rugby mondiale, come Campese, Botha, Lynagh, Shelford, Mallett.
Ha giocato con Giancarlo Micheloni, Bruno Franceschi, Paul Dodds, Norman Marshall, Lucio Chon, Matteo Mazzanti, Aldo Resega, Claudio Parozzi, Ciccio Calenti e tantissimi altri che sarebbe lungo elencare, ma assicura che è stato un grande piacere.

A parte i primi anni come terza linea, sempre pilone. Spera, come dice qualche filosofo della palla ovale, di avere già scontato in terra tutti i miei peccati.
Ha anche avuto l'onore di essere il capitano della sua giovanile, della seconda e della prima squadra.

Circa il suo ruolo in società dichiara: "da qualche anno sono nel Consiglio e mi occupo delle squadre seniores, ma qualcuno dice che sono il DS (direttore sportivo), perchè mi piace tenere rapporti con le altre Società."

Con sua moglie Loredana ha avuto 2 figli maschi, di cui 1 (Ivan) gioca nella nostra U23. "Prima o poi converto anche Pietro, che gioca a calcio" esclama Enzo.

 

D: Se non ci fosse il rugby, saresti?
R: Magro ? Astemio ? Mah ! Sicuramente non avrei la stessa passione per un altro sport o passatempo o vizio. Non riesco proprio ad immaginarmi senza.
D: AS Rugby Milano per me significa...
R: La mia seconda famiglia (mia moglie ha qualche dubbio che sia la prima). I miei migliori amici sono tutti rugbisti. Grazie all'ASR e al rugby ho amici in ogni parte del mondo. In questi giorni ospito una coppia di neozelandesi. Lui ha giocato con noi anni fa. Arrivano di frequente in casa nostra i figli dei miei amici australiani, e si fermano a lungo. Presto gli mando i miei a fare le esperienze che ho fatto io.   
D: Qual è la persona più importante della tua vita?
R: Certamente mia moglie Loredana (lei pensa Sergio Carnovali e Giorgio Terruzzi, ma non è vero).
D: Qual è la persona più importante del tuo club?
R: Mi piace pensare sia Ezio Cozzaglio. E' il nostro fondatore e Presidente Onorario e senza di lui non ci sarebbe il Club. Presto compirà 92 anni.
D: Da "grande" cosa vorresti diventare?
R: Allenatore di una Under 6. Non scherzo, sto pensando di fare un corso CAS con Giorgio Terruzzi (altro Consigliere e amico).
D: Da piccolo chi volevi diventare?
R: Pizzul o Martellini. Un telecronista di calcio.
D: Da che cosa si riconosce un buon rugbista?
R: A parte le orecchie a cavolfiore e qualche cicatrice, dal cuore.
D: Sono fiero di giocare/far parte dell' ASR perché...
R: Perchè è un Club speciale, dove siamo riusciti a creare veramente una specie di famiglia, dove tutti si sentono a casa. E' impressionante vedere rugbisti che vengono a vivere a Milano da altre città e vedere come si godono lo spirito dell'ASR. 
D: Di cosa ha più bisogno il tuo club?
R: Il Club è la casa di tanti, ma non ha una casa sua. Ci manca un campo tutto nostro, senza dipendere dal Comune, Milanosport, nessuno. Se siamo tanti ora, nelle condizioni precarie del Crespi, cosa diventeremo quando avremo una casa?
D: Qual è il tuo sogno ricorrente?
R: Per anni ho sognato di essere in spogliatoio, e che la partita stava per iniziare e io avevo qualche problema con le scarpe o non trovavo i calzettoni.....e naturalmente gli avversari erano grossi e brutti e cattivi. Meno male che non succede quasi più e sogno direttamente di giocare qualche partita internazionale di alto livello, naturalmente con la maglia biancorossa. Se devo fare un sogno ad occhi aperti, scelgo di vedere coronato quello che inseguiamo da anni , quello di cui parlavo alla risposta precedente. 
Enzo Dornetti, Direttore Sportivo AS Rugby Milano
Bookmark and Share
Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153