La Under 19 conclude il campionato al secondo posto stagione 2007/08

7 maggio 2008, Campo Crespi

ASR Milano vs Rugby Union Milano  25 - 0
in campo: Tanca Gio., Tardini, Tanca Gia., Ragusi, Bragdon, Cozzaglio, Caforio, Barana, Aletti, Casarin, Ferrari, Piatti, Catalano, Baraggia, Forino, Ughi, Galli, Olivieri.
All. Ragusi, Cozzaglio
Medici: Aletti, Villa
Arbitro: Di Santo

Un pubblico da grandi occasioni incorniciava ieri sera la distesa arida del Crespi.

Le tribune così gremite non si vedevamo da tempo, una serata fresca per una notturna stracittadina, la rivincita del match di inizio campionato, che ha convinto e appagato i presenti con una partita combattuta, a tratti aspra, dove sostanzialmente abbiamo avuto il predominio del gioco e del campo ma ci siamo complicati la vita in mille modi, come d'altronde facciamo oramai abitudinariamente.

Per molti l'emozione della notturna ha giocato qualche scherzo, sin dalle prime fasi ci siamo dimostrati superiori in mischia chiusa, carrettandoli indietro ogni volta, un po' lenti nei punti d'incontro, particolarmente macchinosi e distratti nel gioco aperto, così che pur istallandoci nella loro metà campo, ci incistavamo in ogni occasione, pur attaccando generosamente noi e difendendo determinati loro, non riuscivamo altro che a trasformare due piazzati di Cozzaglio in tutto il primo tempo e loro, entrando nella nosta in occasione di un paio di svarioni, che rischiavano di costarci cari.

Un po' di tensione/frustrazione ha serpeggiato per qualche tempo tra le file, complicando lo scenario, lasciandoci in 14 sul finire del tempo.
Nella ripresa i nuovi ingressi rimaneggiano l'assetto, riprendiamo l'assedio ma non ci schiodiamo di dosso l'approssimazione e la frenesia, il pubblico rumoreggia e l'adrenalina sale, qualche scintilla rischia si scatenare il rogo.

Finalmente troviamo equilibrio, d'improvviso facciamo ammenda delle frivolezze precedenti e cominciamo a macinare gioco, due situazioni sfumano di un nulla prima con i ¾ che da ribaltamenti di fronte e palle che sfuggono, poi con la mischia che non riesce a schiacciare in meta, ma ormai è chiaro che abbiamo la partita in mano.
Il pressing va a segno con Ragusi, dopo un movimento a più fasi che gli da l'angolo di penetrazione adatto per insinuarsi nella difesa oramai rotta, Cozzaglio trasforma.
Nell'ultimo quarto andiamo a segno con Casarin che conclude un bel movimento delle linee arretrate che lo imbeccano egregiamente permettendo alle sue lunghe leve d'involarsi in mezzo ai pali, con Cozzaglio che trasforma.

Buon ultimo Baraggia che corona una prestazione di qualità con una meta di forza e abilità del pack, che conclude l'incontro e ripristina l'ordine dei valori.
Coma ho già detto sopra, buona prova della prima linea con Forino e Catalano che sgretolavano i rispettivi avversari e si proponevano in audaci evoluzioni, Baraggia, che non ha esitato in alcuna iniziativa, la seconda linea da favola con Ferrari e Piatti a spargere il panico, le terze, Aletti e Casarin a dare smalto nel gioco aperto e Barana, partita particolarmente sentita la sua, giocata senza risparmio, con concretezza, Caforio, che lascia intravedere buone prospettive, Cozzaglio, che riprende il suo posto senza esitazioni, con gran lucidità, Tardini e Bragdon, un po' in affanno ma concreti, Tanca Gia. e Ragusi, i seguaci del rito del flipper, hanno difeso e aperto breccie senza alcuna esitazione, sbattendo e rimbalzando qua e la, quasi come la palla che "avevano" in mano, Tanca Gio. che pattinava garantendo sicurezza alle spalle nel primo tempo, nel secondo ha impresso al gioco gran ritmo e velocità, Ughi, che i prossimi anni calcherà i campi nelle terre di Albione, riesce a esserci e dare il suo contributo sostituendo "il naso" di Piatti, così come Galli e Olivieri dando il cambio a Bragdon e Caforio.

Si conclude una stagione che lascia un po' di amaro in bocca, partita sotto i migliori auspici si è poi rivelata più complicata, per mille ragioni e situazioni, dove a grandi delusioni, meritate o meno, abbiamo risposto con grandi prestazioni, prendendoci le soddisfazioni del caso.

Va bene così.
Gli allenamenti continuano, ci sono i tornei a 7,  almeno fino alla festa del 30 maggio.
Buone vacanze.
Alla prossima stagione.
Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153