Domenica 26 febbraio 2006

Serie B:  A.S.R Milano vs Amatori Mi 12-16

Per ASR Mi:  mete di Guthrie e Fantoni - 1 tr. di N.Nicoletti

 

In campo: Ragusi, F.Borsani, N,NIcoletti, G.Borsani, G.Nicoletti (Guli), Guthrie, Centineo, Garavaglia, Fantoni, Artusi (Chon), Cipolla, Cavioni (Pasini, Maraboli), Riboldi (Carpinone), De Sossi, Piatti - A disp. Maraschi e Reali - All. S.Carnovali

Note: al 35' p.t. cartellino rosso a F.Borsani (ASR) e giallo a V.Valizia (Amatori) - al 35' s.t. secondo giallo a V.Valizia (Amatori)

Le foto della partita

 

Le altre partite:

Lumezzane vs  Calvisano = 14 - 29 (0-5)
Sondrio Parabiago = rinviata
Valpolicella vs Ospitaletto = 11 - 05 (4-1)
Cus Pavia vs Varese = 15 - 19 (1-4)
 Chicken Cus Milano Asti = 16 - 03 (4-0)

CLASSIFICA

Punti

Gio

Vi

Pa

Pe

mete fatte

mete subite

diff. Mete

punti fatti

punti subiti

Diff. punti

1

Calvisano

60

15

10

1

4

71

18

53

577

203

374

2

Chicken Cus Mi

47

15

10

2

3

46

26

20

375

231

144

3

Asr Mi

46

14

8

0

6

52

30

22

407

275

132

4

Amatori Mi

45

16

8

1

7

34

28

6

370

276

94

5

Lumezzane

42

16

7

0

9

36

36

0

384

329

55

6

Valpolicella

40

14

7

0

6

40

27

13

277

229

48

7

Asti

33

13

8

1

4

30

24

6

269

215

54

8

Ospitaletto

25

14

8

1

6

25

37

-12

192

329

-137

9

Varese

21

14

4

0

10

19

38

-19

206

353

-147

10

Parabiago

21

14

5

0

7

19

36

-17

192

325

-133

11

Sondrio

18

13

3

0

9

22

43

-21

156

315

-159

12

Cus Pavia

8

14

3

0

11

16

69

-53

172

497

-325

 

Ospitaletto, Chicken Cus Mi e Asti penalizzate di 4 punti 

 

                                                                                                                                                                                                                                                           

 

Serie C:  Gussago vs A.S.R Milano 70-3

 

In campo: Bilics, Bruno, Andreolli (Palmaverdi), Coiatelli, Andreola, Corbacella, festa, Spagnolli, Bellato, Baldacci, Sicilia, Magni, Redaelli, Cianci, Repetti, Repetti - All. Paolo Sale

E' stata una dura prova per la seconda, domenica contro i primi in classifica del gussago; a causa delle innumerevoli defezioni da parte di molti giocatori. Ma i 16 ragazzi che si sono presentati hanno combattuto come leoni, pur già sapendo di partire sconfitti, non hanno mai mollato fino all'ultimo minuto senza mai perdersi d'animo, dimostrando cosa vuol dire "carattere". I ragazzi capitanati da Andrea Repetti sono riusciti a mettere in crisi varie volte la squadra avversaria fino a togliere quello 0 dal tabellone, che era troppo umiliante per il Milano, con un bellissimo calcio piazzato di Corbacella.
Ora speriamo che con il Cesano Boscone la squadra torni a vincere, perchè se lo merita. In bocca al lupo ragazzi!

                                                                                                                                                                                                                                                            

Under 19:  A.S.R Milano vs Varese 82-19

                                                                                                                                                                                                                                                           

Under 17:  A.S.R Milano vs Varese  34-0

mete :  Sintich (2), Casarin, Tardini, Limonta e Scaburri 

In campo: Picone, Corsi, Catalano, Baraggia (Quercioli), Baraggia, Casarin, Limonta, Montanelli (Baratti), Sintich, Scaburri, Tardini, Penati,

Galli (Vescovi), Antoniazzi (Terzini)
In un'inaspettata mattinata di sole, con refoli di aria freddina su un campo che dire allentato è un eufemismo, dopo i diluvi che hanno accompagnato i nostri allenamenti settimanali di lotta nel fango e pallanuoto, la squadra ha affrontato il Rugby Varese, reduce tra l'altro da 2 vittorie consecutive(stranezze dei recuperi di un campionato veramente invernale) con l'Amatori Milano. Sembra esserci tra i più un po' di apprensione, come d'uopo, verso un avversario che non sembra ancora aver perso una partita, ma forse non è così. Fattori contingenti (un naso volitivo, la neve invitante, la scuola aihaihaihaih, indisciplina con supponenza, leggesi immaturità, di alcuni) rimaneggiano la formazione con alcuni ingressi in ruoli determinanti, ma non sono certo da meno dei supposti titolari (meglio che si perdano troppe certezze). La stazza degli avversari è notevole e sin dalle prime mischie si nota l'intento di metterla su piano fisico, con una buona preparazione nelle rimesse ed una cavalleria ben disposta. Stentiamo a metterci in moto, non subiamo troppo, ma ci muoviamo con troppa sicurezza, quasi con sufficienza, non comprendendo che basta poco per trasformare un agnello in un leone, un'onesta partita diventi quella che per gli altri è l'impossibile che si realizza (abbiamo già dato in passato). Perdiamo parecchie palle in movimento e in touche, un numero elevato di falli per lo più veniali e pertanto inutili e dannosi, ritardo nel sostegno, troppo individualismo ci accompagnano per buona parte dell'incontro, con sprazzi di buon gioco che ci permettono comunque di finalizzare una notevole se non eccessiva profusione di sforzi. Certo giova la preparazione e la costanza dei più che vedono in diverse occasioni trasformare in meta una supremazia tecnica indiscussa, pregevoli movimenti collettivi danno l'idea delle ampie possibilità ancora inespresse, ma se non cresce la consapevolezza e la maturità che sono necessarie per assicurare continuità e determinazione quasi speculativa, ogni sforzo rischia di essere vanificato da eccessi di individualismo o sufficienza. Senza dimenticare che in campo ci sono anche gli altri che non ci stanno a priori, sono una buona squadra, ci mettono del loro, spesso ai limiti, diciamo pure oltre, del regolamento, niente di eclatante ma un sistematico uso dell'antigioco nei raggruppamenti e nelle contese aeree. Comunque un primo tempo meglio gestito più soddisfacente del secondo forse più combattuto( o più stanchi) con le sostituzioni di rito da ambedue le parti a rimescolare le carte. Ci siamo fatti la bocca buona con i risultati a tre cifre, le possibilità e le capacità ci sono ma adesso occorre un salto di qualità. Non si vinceranno sempre partite con margini elevati, mille variabili possono influenzare o stravolgere le nostre attese e solo con una risposta corale, un moto d'impeto, la voglia di divertirsi insieme, con metodo e impegno ci permetteranno di raggiungere gli obiettivi che abbiamo a disposizione. Una nota colorita la forniscono i tifosi del Varese che, evidentemente in collegamento telepatico hanno visto un'altra partita, giocata in un altro campo, in un altro spazio/tempo, commentano ad alta voce, azioni di gioco o scelte arbitrali, con un vociare ai limiti della decenza e del buon senso. Terzo tempo in sede, senza gli avversari, più pasta per noi, ottima e abbondante, con contorno di belle ragazze, tifose personali di Capitan Sintich, la ciabatta più veloce del west lombardo e partite a calciobalilla. Domenica 5 Marzo ci aspetta un impegno più oneroso, la trasferta a Viadana, c'è il Carnevale, non si va a scuola (studiate che è meglio!!!!!) ma ci si alza all'alba pertanto ..... dopo carosello tutti a nanna.

 

UNDER 15:  Bassa Bresciana vs ASR Milano  15 - 27 (I° t.: 10 - 7) giocata giovedì 23 febbraio

 Mete: Ferrari M., Vojnicovic, Magenes, Morisi.

in campo: Luca Bestetti, Luca Ferrari, Marco Ferrari, Giovanni Fogu, Federico Furlan, Andrea Gambarini, Giorgio Gambarini, Stefano Grasso, Oscar Guerri, Andrea Magenes, Luca Morisi, Francesco Nuccio, Federico Quaia, Simone Ragusi, Ezio Tacchino, Marco Vojnicovic.

  

Nel recupero infrasettimanale, con molta fatica e grande cuore, i ragazzi, in formazione d'emergenza, superano sul campo piccolo di Leno l'agguerritissima e veloce squadra della Bassa Bresciana. Nel primo tempo facciamo noi la partita schiacciando gli avversari nella loro metà campo e passando in vantaggio (grazie alla trasformazione) con una bella azione di Fort-Knox-Ferrari, che pareggia la meta subita nei primi minuti; ma prendiamo subito dopo un'altra meta in un contropiede quasi ... calcistico, con fuga laterale di un avversario-palla-al-piede. Nella ripresa una bella azione corale viene conclusa in meta da Airone-Vojnicovic, ma dieci minuti di autentico black-out riconsegnano la partita agli avversari. Nell'ultimo quarto d'ora il coraggio e la rabbia dei ragazzi determinano la svolta. Agli avversari non viene concesso più niente: un calcio piazzato di Vojnicovic ci riporta avanti di un punto, un bel drop di Baby-Face-Ragusi fischia due dita a lato del palo di sinistra e due mete d'impeto di R.d.T.-Magenes e Scooter-Morisi chiudono (finalmente!) la partita.

 
Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153