Under 18: sconfitta a Brescia, 20/2/11

Under 18 campionato girone elite, 20/2/11 a Brescia

Rugby Brescia vs AS Rugby Milano 21 - 5 (p.t. 14 - 0)

marcatori
p.t. meta Brescia, tr Brescia; meta Brescia tr. Brescia
s.t. meta Riccardo Cantoni, meta Brescia tr. Brescia

In campo
Filippo Scaburri, Leo Caprio Cantoni), Matteo Mosseri, Matteo Franceschi, Pietro Mastrangelo, Michele Bortolussi, Giacomo Allaria (Masetti), Gianluca Carpinelli, Stefano Tranquillini, Rodrigo Ferrari, Stefano Bolletta, Niccolò Storni, Giovanni Slinn (Goso), Luca Beretta, Tommaso Giucastro
In panchina
Ivan Goso, Sebastian Bonanno, Giacomo Masetti, Riccardo Cantoni, Giacomo Toffano, Tommaso Betti

all. Paolo Casarin

 

Il commento di Paolo Casarin

Lasciamo Milano che piove a dirotto, arriviamo a Brescia con cielo
coperto ma asciutto, campo morbido, qualche raffica di vento a
rimescolare le carte, tutto sommato una giornata ideale per una partita
di rugby.
Il Brescia è una buona formazione, pressochè tutti ’93, fisici
notevoli e ben impostati, all’andata un equilibrio rotto in 3
occasioni, con una sconfitta di misura.
Anche in questa occasione stessa solfa, noi giochiamo, ci danniamo a
cercare di superare l’avversario, che ci beffa in tre occasioni, due
nel primo e una nel secondo tempo, contropiedi che ci vedono troppo
sbilanciati.
Per il resto del tempo abbiamo la palla noi ma non riusciamo a
trovare la strada della meta, manca sempre un’inezia, sfugge un
particolare a pochi passi dall’obiettivo.
Be, ci sono una decina di rimesse ciccate e potevamo farne un bell’
uso, diamo la colpa al vento, qualche mischia andata a ramengo nei
momenti clou, tre placcaggi a vuoto e qualche scelta affrettata per
giocarsi il risultato.
A botta calda sembrava più dura da digerire, ma a una attenta
scansione dell’incontro la mole di lavoro svolto dalla nostra squadra è
stato veramente elevato, ci è mancata la risolutezza necessaria, il
cinismo di chiudere in meta le occasioni a disposizione.
D’altro canto la difesa efficace del Brescia e la rapidità con cui si
riorganizzano, il loro spingersi ai limiti del regolamento e oltre sin
dai primi istanti, peraltro spesso sanzionata dall’arbitro durante la
gara e con un giallo sul finire dell’incontro quando proprio non se ne
poteva più, ha reso complicato lo sviluppo del gioco. Una meta frutto
di un in avanti volontario non rilevato e una meta non concessaci con l’
ingresso di una maul in meta rendono meno indigesta la sconfitta.
Da rilevare comunque la buona tenuta del collettivo in qualsiasi
situazione, Allaria ha gestito la prima parte dell’incontro con grande
autorevolezza, dando al gioco in collaborazione con Bortolussi, ritmo e
efficacia, grande lavoro di Franceschi e Mosseri che si sono dannati in
incursioni e interdizione, Mastrangelo e Caprio alle ali non si sono
fatti mancare niente e con loro Scaburri.
Il pack ha fatto un gran lavoro sia in attacco che in difesa contro
avversari con molta fisicità e mestiere e quando si è organizzato non
ha avuto problemi di sorta e si è prodigato con gran generosità.
Molto bella nel secondo tempo la meta di Cantoni, frutto di un
pressing ossessivo e del lavoro dei ¾ che cambiano fronte di attacco,
sbilanciano la difesa che avanza, incrocio e oplà e fatta.
Peccato che ne siano mancate altre, forse avremmo potuto usare meglio
le punizioni cercando i pali per fare punti.
Abbiamo l’opportunità di lavorare sugli errori e prepararci a dovere
per la partita con Viadana.
Non sono consueto a complimenti di sorta, specialmente dopo
sconfitte, ma devo riconoscere che il gruppo è in continua crescita,
generoso, anche troppo, deve trovare quel istinto ad andare oltre l’
ultimo ostacolo.
Alla prossima.
 

Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153