Under 20: sconfitta con la GrandeMilano

Under 20 - Domenica 28 febbraio 2010

ASRugby Milano vs Rugby Grandemilano 36 - 23    ( PT. 18-26)
ASR : Calidonna, Arkan,  Magenes, Tardini(cap.), Zanotti,
Pizzamiglio, Scaburri, Barana, Ferrari M., Pontillo, Reale, Stringhini,
Gambarini, Forino Ge, Balestrini.
In panca : Guerri,  Franchi, Morra, Morabito, Boccassini, Bontorin,
Vincini.
I° tempo  5’ meta Grandemilano trasf., 10’ pen Pizzamiglio, 14’
Grandemilano trasf., 19’ Grandemilano, 25’ meta Arkan, 34’ meta
Stringhini trasf Pizzamiglio, 39’ pen. Pizzamiglio, 40 meta
Grandemilano trasf.
II° tempo 45° meta Calidonna, 75° pen Grandemilano trasf, 80° meta
Grandemilano trasf.

Peccato per il tempo, un po di sole ed era perfetto, giocare alla Arena Civica ha un suo fascino, prima della nazionale di categoria, su un campo in buone condizioni e la nostra  formazione al completo nonostante i due nazionali per l’incontro successivo.
Sul derby si riversano un sacco di aspettative, la tensione è palpabile sicuramente sarà una partita interessante.
Di conseguenza le formazioni si affrontano subito, senza timori, segno di un comprensibile rispetto, sfidandosi sia in gioco aperto che con impatti decisi nei punti d’incontro.
Da subito perdiamo Gambarini che si infortuna sostituito da Bontorin,  le prime schermaglie segnalano che la Grande intende accellerare al massimo in ogni fase, noi riusciamo a contenerli un po’ in affanno e quando la pressione cresce ulteriormente al primo errore difensivo si apre una voragine in cui dilagano e si portano in vantaggio.
Un po’ storditi, ci rimettiamo in moto molto attenti a non lasciare spazi  aperti difendiamo con determinazione ma ogni palla in mano loro rischia di trasformarsi in una carica inarrestabile, con grande abilità riescono a riorganizzarsi e a protrarre le fasi di gioco.
Noi facciamo il possibile e riusciamo a nostra volta trovare qualche varco in cui insinuarci.
Quando ci portiamo nei loro 22 ci concedono un penalty che il Pizza manda a sbattere sul palo, recuperiamo la palla con Pontillo, se il sostegno fosse più rapido la meta non sarebbe sfuggita.
Pizza si riscatta pochi minuti dopo centrando i pali e accorciando le distanze.
Lo sforzio è notevole in ogni fase di gioco, in mischia chiusa facciamo il possibile per contenerli, Balestrini, gradita concessione dalla Under 18 mostra le sue qualità di fronte ad un avversario diretto con calibro ed esperienza ben superiore, così come Forino e Bontorin che devono confrontarsi con mestireranti che si ritagliano spazi non
rilevati dall’arbitro.
Molto più equilibrata la rimessa laterale dove ognuno si gioca le sue o la contesa si trasferisce  nel recupero dei palloni vaganti.
I ¾ tentano la manovra  ma siamo lenti a dare continuità, gli permettiamo di riposizionarsi e portare pressione, recuperando palle che sfruttano al meglio. All’ennesimo placcaggio mancato porta al raddoppio la Grande lasciando attoniti i nostri virgulti. Neanche il tempo di riprenderci e veniamo pressati nei nostri 22, perdiamo la lucidità, gli errori si sommano  ed ecco la terza meta con un carretto ben organizzato.
In effietti ci stanno surclassando   in tutte le fasi, siamo in confusione, sembra profilarsi una debacle all’orizzonte.
Pizza ci tira fuori dall’enpasse con un colpo di genio, grazie ad alcune palle pulite che hanno  scombinato il fronte avverso, riesce col piede a ribaltare il fronte d’attacco, scavalcando la difesa, con un pallone che Arkan afferra al volo e a portare in meta nell’angolino più esterno  accorciando le distanze, Pizza fallisce da posizione francamente impossibile.
Rinfrancati riprendiamo fiducia, conteniamo i loro affondi teniamo in mischia e ci prendiamo le nostre palle in rimessa laterale riuscendo a imbastire qualche buona giocata che ci riporta nei loro 22 e l  costringiamo la fallo. Decidiamo di giogare e batti e ribatti  ci portiamo a ridosso della linea di meta ed è  Stringhini che si prende
la sua rivalsa schiacciando la palla in meta con Pizza che riduce le distanze centrando i pali.
La Grande ha venduto la pelle dell’asino troppo presto non riesce a trovare spazi disponibili li riportiamo indietro e altri 3 punti arrivano dall’ennesimo penalty che ci concedono. Siamo vicini alla fine della frazione di gioco e 3 punti ci separano ma un’attimo di calo difensivo apre loro le porte della nostra meta con uno svarione difensivo che li vede in prima fase   dribblare e segnare quasi senza affanno.
C’è un divario ma non è impossibile superarlo , qualche suggerimento, Morabito e Vincini danno il cambio a Forino e Pontillo, riprendiamo il gioco con uno spirito determinato e concreto. La nostra pressione è vincente, Calidonna si incarica accorciare le distanze apportando il suo contriubuto con  un sostegno “efficace(lui sa il perché)” che conlude un’asfissiante ripetersi di cambi di fronte, mantenendo in possesso che disarticola la difesa, Pizza manca di un
soffio i pali. La Grande sente il nostro fiato sul collo, perde di lucidità nella manovra, noi cominciamo a dare segnali di fatica arrembante con crampi che compiono qua e la.
A metà del tempo Barana si infortuna in un momento delicatissimo, touche nei nostri 5  metri e in 14  riusciamo a tenere fino all’ ingresso di Guerri, con conseguente riorganizzazione del pack. Usciamo malconci da una serie di mischie nei nostri 22 ma ci portiamo in avanti combattiamo ancora, ogni errore può cambiare il risultato.L’ intensità non cala e la stanchezza aumenta e di conseguenza il numero di errori, aumentando l’affanno. A 5 minuti dal termine Magenes monta dopo una serie di ping pong al piede e placca il ricevitore, l’arbitro ravvisa un placcaggio in volo restiamo in 14 ed è la chiave di volta dell’incontro. Prima un penalty in mezza ai pali e una meta d’intercetto mentre potremmo andare noi a segnare,  chiudono l’incontro. Nonostante un certo divario tecnico e di tenuta atletica, l’incontro
è stato equilibrato, piacevole e avvincente.
Bisogna riconoscere una maggiore efficacia alla Grandemilano, noi abbiamo supplito con entusiasmo e generosità.
Miglioriamo la preparazione, ci aspetta un finale di campionato di sicuro interesse.

Alla prossima.
Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Milano
- Sede legale: via Valvassori Peroni, 74/2 20133 Milano
- Centro Sportivo Prof. G.B. Curioni e Clubhouse: via Circonvallazione Idroscalo, 51 20090 Segrate
02.45497116 - segreteria@asrugbymilano.it
FIR 190402 - CONI 13508 - UISP 13005981 - OPES 8553
P.Iva 10216600154 - Cod. Fisc. 80157570153